post

I GIOVANISSIMI DELLA FILOTTRANESE ACCEDONO ALLA FASE REGIONALE

Soddisfazione per i Giovanissimi della Filottranese approdati alla fase regionale. I ragazzi di mister Marco Strappini hanno dominato agevolmente il gironcino provinciale mettendosi alle spalle anche squadre blasonate, come l'Academy Anconitana, l'Atletico Conero, la Giovane Offagna ed il Loreto. Un ruolino di marcia positivo per i biancorossi, che chiudono da imbattuti questa prima fase e si apprestano a vivere la fase regionale nel girone con Vigor Senigallia, Recanatese, Sassoferrato Genga, Giovane Ancona, Palombina Vecchia, Junior Jesina, SA Castelfidardo, Olimpia Ostra Vetere e Portorecanati. "Inannzitutto vorrei ringraziare il gruppo di lavoro con il quale ogni giorno sono al campo, - commenta mister Marco Strappini - Francesco Brunacci (allenatore dei cadetti), Simone Fiordoliva, Tommaso Simonetti (collaboratori tecnici), Andrea Zepponi (preparatore atletico) e Andrea Rocchi (mister dei portieri): grazie ad uno staff organizzato e di livello riusciamo a lavorare nel migliore dei modi e proviamo a dare una crescita costante ai ragazzi. Siamo felicissimi di aver raggiunto anche quest'anno questo traguardo: abbiamo avuto la collaborazione a livello di settore giovanile della Labor Santa Maria Nuova e questo ha arricchito il nostro organico. In estate sono partiti tre 2005, Fabiani al Sassuolo, Strappini all'Ascoli e Angeletti alla Spal dove stanno trovando molto spazio negli Under 15 nazionali, a conferma del fatto che il nostro lavoro è un lavoro di qualità. Nonostante queste partenze il gruppo ha fatto molto bene: è un gruppo che seguo da due anni e si applica e lavora nel modo giusto ogni giorno. Ora ci confronteremo con un livello superiore e sarà un ulteriore step della loro crescita che ci permetterà di alzare il livello individuale e collettivo delle loro potenzialità". Adesso quindi si parte per la fase regionale, con la voglia di fare bene. "Esatto - continua mister Strappini - anche se nella fase regionale rimango un pò perplesso nel vedere società che cercano di accaparrarsi dei giovani promettenti da quelle squadre che non sono riuscite a passare il turno. Questo ritengo che sia sbagliato farlo con ragazzi di 14-15 anni, soprattutto promettendo una presunta crescita nel giocare un campionato regionale: un conto è far arrivare i nostri giovani a giocare nei club professionistici, e lavoriamo anche per questo, un altro è mandare un ragazzino a fare per quattro mesi un campionato regionale. A parte questo posso dire che sono molto fortunato di avere alle spalle Marco Giuliodori come responsabile tecnico, sempre presente al campo e che ci dispensa consigli, ed il supervisore Enzo Pittura con i quali siamo d'accordo su tutto, tra cui anche su questo punto visto che non cerchiamo giocatori da portare in squadra per la fase regionale e non li daremo ad altre società per la fase regionale. Penso che questo rientri nell'etica sportiva e parliamo della Filottranese che è Scuola Calcio Elitè. L'obiettivo nostro è quello di far crescere i ragazzi che si iscrivono ad inizio stagione e di farli arrivare un domani in prima squadra, non puntiamo a vincere un campionato giovanile non guardando poi allo sviluppo dei nostri giovani".